“Re Sole” di Max Gallo

E’ in piedi al capezzale di Anna d’Austria. Sa che sua madre sta per morire. Si sforza di restare impassibile, perchè è il re, un sovrano che già chiamano Luigi il Grande. Lo scrutano. Non deve mostrare la minima debolezza. Drizza le spalle e incrocia le braccia sul petto. Tiene la testa eretta e le mascelle serrate. Dall’alto della sua statura, domina tutti i cortigiani che si affollano nella stanza del palazzo del Louvre in cui hanno trasportato la regina madre.

Luigi XIV non ha ancora compiuto cinque anni quando, alla morte del padre, viene proclamato re di Francia. Un re che incarnerà l’essenza stessa della monarchia assoluta, con la sua consapevolezza di essere solo e di non potersi fidare di nessuno. Non dei suoi consiglieri, non dei suoi parenti, a volte stretti, non della sua corte. Quella corte che troverà nella nuova Versailles dimora per il proprio re e per le sue passioni. Sullo sfondo la Francia e il suo popolo, dapprima visto come un pericolo e poi devoto verso Luigi. Un libro bello, complesso, dove lo storico francese ha la capacità di umanizzare colui che ha incarnato il sovrano per eccellenza del Seicento.


Per approfondire

John B. Wolf. Luigi XIV


Compra il romanzo in una libreria, possibilmente indipendente, in alternativa puoi valutarne l’acquisto su Amazon cliccando qui

LEAVE A REPLY