“Manciù” di Robert S.Elegant

Saint Omet, Fiandre Spagnole, 1624

La grondaia di lamiera vibrò sul tetto appuntito, e il pettirosso battè le ali nella foschia mattutina. Cinguettando spaventato, descrisse nell’aria cerchi sempre più stretti sopra i becchi spalancati dell’ultima covata, nel nido di muschio e piume. La grondaia sospesa tra le tegole ruggine e i muri di arenaria tremò ancora. La nidiata si unì in un coro rauco: all’insaziabile appetito era subentrata per un momento la paura.

Prima metà del ‘600. Alla corte dei Ming regnano libertini e eunuchi che alimentano corruzione e intrighi.
Dal Nord incalza l’avanzata dei manciù, guerrieri terribili guidati dal principe Dorgan. Tra loro c’è Francis Arrowsmith, un inglese esiliato a Macao, dai gesuiti. Attraverso la vita di Francis, giovane valoroso affascinato dall’Oriente, dapprima fatto prigioniero e in seguito assoldato dai Manciù, vivremo le vicende della caduta dell’impero Ming ad opera dei conquistatori del Nord.


Per approfondire

J.A.G Roberts. Storia della Cina

COMMENTA

Please enter your comment!
Please enter your name here