“Le mura di Adrianopoli” di Guido Cervo

Tirando le redini per rallentare il passo già svegliato del suo cavallo, Claudio Burcenzio si rivolse all’alto ufficiale che gli stava al fianco e con un cenno della mano gli indicò il tratturo che, diramandosi dalla strada, si inoltrava nella prateria. “Ecco, Prefetto” disse. “Siamo arrivati alla devastazione”

IV Secolo. I confini dell’Impero romano sono senza barriere . Un popolo, quello dei Goti, attraversa il fiume Danubio per sfuggire alla minaccia degli Unni, sanguinari predatori che travolgono tutto e tutti.
I goti, stremati, alla mercé di notabili romani che promettono vettovaglie e invece affamano un popolo senza più risorse, si ribellano sotto la guida di Fritigerno, dando vita a una battaglia entrata nella storia, Adrianopoli.


Per approfondire

Alessandro Barbero. 9 agosto 378 il giorno dei barbari

 

2 COMMENTS

  1. L’ho letto 3 volte e lo leggero’ ancora. Bellissimo, emozionante, completo. Da leggere tutto di un fiato. Grandissimo Cervo!

LEAVE A REPLY