“La Trilogia di Magdeburg: il Demone” di Alan Altieri

Sono l’Osservatore.
Il mio nome è Jean Jacques Donatien, Cavaliere de la Deveraux.
Ho attraversato molte vite. Ho varcato molte morti. Venni allevato per essere un guerriero, comandante di guerrieri. Ma questo appartiene a un tempo perduto, a un luogo svanito.
Tutti i guerrieri che ho avuto al mio comando sono scomparsi. Nomi cancellati, su liste dimenticate. La guerra, qualsiasi guerra, ha cessato di appartenermi.
Ora mi limito ad osservare. Senza interferire.

Guerra dei trent’anni, Germania.
Il terzo e conclusivo capitolo della trilogia di “Magdeburg”, vede nuovamente raccontate e portate a conclusione le vicende di Wulfgar, cavaliere risorto dalle tenebre e da un passato oscuro e misterioso.
Insieme a lui ritroveremo Caleb Stark, ora maggiore della Legione Nera, una delle compagnie di ventura al soldo del malvagio Reinhardt von Dekken, signore di Kragberg, nemesi di Wulfgar. E tanti altri memorabili personaggi, da Jean Jacques Donatien, che per ordine del Cardinale Richelieu continua la sua missione in terra germanica, ad Alessandro Colonna, cardinale e guerriero. Da von Wallenstein, comandante supremo dell’esercito imperiale caduto in disgrazia a von Falkenberg, perfido e violento difensore della libera città di Magdeburg. Si conclude la trilogia e le pagine dell’ultimo libro sono adrenalina pura, tra scontri ed epiche battaglie, delitti efferati e personaggi eroici ed odiosi.


Per approfondire

Georg Schmidt. La guerra dei Trent’anni

LEAVE A REPLY