“Il ritorno della morte rossa” di Harold Schechter

Il virginiano. Ci sono argomenti che attirano l’attenzione del pubblico in modo singolare. Nel nostro paese le storie di persone rapite lungo la frontiera, di pionieri del West fatti prigionieri dagli indiani, hanno sempre esercitato un fascino particolare. Fin dall’epoca dei primi coloni, i racconti di coloro che sono sopravvissuti a questi strazianti cimenti sono sempre stati tra i testi più popolari della nostra produzione letteraria, come potrebbe facilmente confermare anche un’occhiata superficiale agli scaffali di qualsiasi libreria di Broadway.

New York, 1845. Nonostante il successo letterario ottenuto con la poesia Il Corvo, Edgar Allan Poe, poeta, narratore, giornalista, esperto calligrafo e investigatore dilettante, è afflitto da problemi economici. La proposta di William Wyatt, strano e inquietante gentiluomo, è provvidenziale: cento dollari per valutare se una lettera e un misterioso manoscritto sono stati redatti dalla stessa mano.
Ma quando Poe si reca da Wyatt per ritirare i preziosi documenti, lo trova in fin di vita, barbaramente mutilato. Forse da un assassino che non appartiene a questa terra.


Per approfondire

Julio Cortazar. Vita di Edgar Allan Poe

LEAVE A REPLY