“I delitti del mondo nuovo” di Leonardo Gori

Colonie britanniche ribelli d’America, 24 dicembre 1775

Col primo sole del mattino, troppo debole per sciogliere il gelo, il capitano Elias Mitchell degli Indipendents vide alzarsi lentamente la nebbia. Sotto quel bianco fumante, scorse i berretti neri e le giacche rosse dei soldati nemici. Avanzavano in silenzio da ogni parte, ma il capitano dei ribelli era più stupito che spaventato.

Tutto ha inizio da un omicidio, quello dell’ingegnere Taddei in uno sperduto villaggio della Toscana della seconda metà del ‘700.
Una Toscana che vive gli anni nuovi e le azioni riformatrici di uno dei governanti più illuminati del secolo, il granduca Pietro Leopoldo di Asburgo, austriaco ma fiorentino d’adozione. Con il granduca, una serie di personaggi minori, dal matematico e religioso Matteo Leonetti al segretario del granduca, Francesco Pratellesi, da una lady inglese a un misterioso sicario venuto da lontano. Il granducato è una concentrazione di spie e misteriose figure che attraversano le terre toscane. E un filo misterioso collega queste terre alle colonie inglesi d’America insanguinate dal conflitto tra la corona britannica e gli indipendentisti.


Per approfondire

F. Diaz. Il Granducato di Toscana: I Lorena dalla Reggenza agli anni rivoluzionari

LEAVE A REPLY