Home Libri Medioevo

Medioevo

All'interno della categoria tutti i romanzi ambientati tra la caduta dell'impero romano d'Occidente (476 d.C.) e la scoperta dell'America (1492 d.C.).

Fortunati definirei quegli scrittori cui toccò di raccontare negli anni in cui grande onore era riconosciuto alle intenzioni oneste e alla ricerca della verità. Ora, invece stimo protetti dalla buona sorte coloro i quali scrivono cose veridiche senza ricevere dai potenti danni, insulti e ferite. Roma, 1497. La Roma di papa Alessandro VI Borgia è una città dalle mille sfaccettature. Aristocratica e plebea, feroce e sanguinosa, ma anche mecenate di grandi...
Sibilla guardò sua madre: il viso cinereo, contornato dai capelli ingrigiti, sembrava quello della Madonna di pietra che stava a fianco dell'altare in chiesa. Il sudore freddo le appiccicava il corpo alla coperta di lana ruvida, il respiro si faceva sempre più breve e superficiale. Violenti brividi la scuotevano, malgrado la legna del focolare cedesse calore alle stube. Il romanzo è ambientato agli inizi del’200, e sebbene veda il protagonista,...
C’è un momento della vecchiaia nel quale smetti di guardare avanti: temi di scorgere la morte venirti incontro. Da tempo ne odi i passi, sempre più vicini e pesanti; alle volte risuonano così forte da coprire perfino il gioioso mugolare di chi ti gattona attorno preparandosi a prendere il tuo posto. I Da Romano. La famiglia, il clan che per decenni fu padrone della marca trevigiana e di gran parte...
Milano, dicembre 1490. "Massaggiate le parti molli" La voce di messer Ambrogio da Rosate, medico capo e astrologo della corte di Milano, usciva come un soffio misterioso dalle labbra infiacchite degli anni. La duchessa di Milano non sentiva le istruzioni, sebbene fosse seduta sulla sedia del parto sotto lo sguardo acquoso di messer Ambrogio. Il romanzo ha per protagoniste, Beatrice d'Este, moglie di Ludovico il Moro, e Isabella d'Aragona, sposa infelice di Galeazzo...
Il monaco di nome Teja mi scrutava con sospetto. Ho creduto che causa della sua diffidenza fosse il mio abbigliamento, troppo ricco per un prete. Non era così, ora lo so. Egli semplicemente diffida di tutti coloro che mettono piede nella chiesa della quale è il nuovo Custode. Italia, VII secolo d.C. Rotari, figlio del duca di Brescia. Giovane e ribelle, è uno dei pretendenti alla corona del regno longobardo. Le sue avventure...
Mattina del 5 agosto 1300, nelle paludi ad ovest di Firenze. Avevano abbandonato i cavalli accanto a un casolare, sulla via di Pisa, sotto il sole già alto. Di lì si erano diretti verso il letto del fiume, che scorreva a un paio di leghe, invisibile tra i canneti e le macchie di vegetazione palustre. La piccola colonna arrancava da oltre due ore sul terreno intriso d'acqua. Estate del 1300. Dante...