Home Libri Antichità

Antichità

All'interno della categoria tutti i romanzi ambientati dalla scoperta della scrittura alla caduta dell'Impero romano d'Occidente (476 d.C.)

Nicomedia, 22 maggio 337 d.C. Il vento, che sa di sale. E la luce dell'alabastro delle finestre. L' impero, là fuori, con il cuore in gola. E' il tramonto. La fine di una vita intera. Costantino fissa la porpora gettata sul pavimento, la veste bianca che ha indosso, leggera come lo scirocco. Guarda le proprie mani. Mani che hanno stretto il mondo, ora buone a malapena per aggrapparsi alla sedia...
I raggi del sole nascente bagnarono le vette del Tauro, i picchi innevati si tinsero di rosa, scintillarono come gemme sulla valle dell’ombra. Poi il manto lucente cominciò a distendersi lentamente sui gioghi e sui fianchi della grande catena montuosa risvegliando dai boschi la vita addormentata. Le stelle impallidirono. Il falco si librò per primo in alto a salutare il sole, e le sue strida acute echeggiarono sulle pareti...
Mi accorsi di essere innamorato di Domiziana, almeno come può accadere a un bambino di sei anni, durante la villeggiatura ad Atina. Come posso descrivere la mia sorella adottiva? Quando guardo il cammeo che porto sempre con me mi pare di avere dimenticato l'espressione del suo sguardo. In un'epoca in cui l'Impero Romano è ormai allo stremo, invaso da tribù barbare e diviso tra le diverse istituzioni e i diversi...
Per ordine di Sua Maestà, Serse figlio di Dario, Gran Re di Persia e Media, Re dei Re, Re delle Terre, Padrone di Libia, Egitto, Arabia, Etiopia, Babilonia, Caldea, Fenicia, Elam, Siria, Assiria e delle terre della Palestina; Signore Sovrano di Ionia, Lidia, Frigia, Armenia, Cilicia, Cappadocia, Tracia, Macedonia e Trans-Caucaso, Cipro, Rodi, Samo, Chio, Lesbo e delle isole dell'Egeo..Così dispose Sua Magnificenza, come registrato da Gobarte, figlio di...
Roma, anno 772 ab Urbe Condita ( anno 19 dopo Cristo) Le torce erano già state spente da un pezzo, e la grande domus sul Viminale giaceva immersa nel buio abbraccio della notte. Appiattito contro la parete del peristilio, l'uomo si guardò attorno con fare furtivo e avanzò cautamente all'ombra del colonnato, attento a non far scricchiolare i sandali. Giunto davanti all'ingresso, trasse un lungo sospiro e occhieggiò attraverso il...
L'intendente sapeva che la luce non avrebbe svegliato Pompeo, anche se teneva il lume a cinque fiamme abbastanza in alto da illuminare i due corpi sdraiati sul letto. Solo sua moglie sarebbe stata in grado di farlo. Lei si mosse, aggrottò la fronte, voltò la testa dall'altra parte nel tentativo di continuare a dormire, ma l'ampia casa mormorava oltre la porta aperta, e l'intendente la stava chiamando. "Domina! Domina!" Il terzo...