Home Libri Antichità

Antichità

All'interno della categoria tutti i romanzi ambientati dalla scoperta della scrittura alla caduta dell'Impero romano d'Occidente (476 d.C.)

Anno 959 ab Urbe Condita, primavera (206 d.C.).  Vario Avito Bassiano cominciò la sua esistenza cosciente nel momento in cui ebbe la visione di uomo che bruciava sorridendo. Era da poco entrato nel terzo anno di vita. Curioso e vivacissimo, chiacchierava incessantemente in un suo idioma infantile mescolando parole in siriano, greco, latino e altre che inventava sotto lo stimolo di svariate emozioni, per la delizia delle sue madri. Vario Avito...
Due giorni prima dell'investitura di Marco Tullio Cicerone a console di Roma, il corpo di un ragazzino venne tratto dalle acque del Tevere vicino al punto in cui era ormeggiata la flotta da guerra repubblicana. In altre circostanze una simile scoperta, per quanto tragica, non avrebbe attirato l'attenzione di un console designato. Alla vigilia del suo consolato l'oratore e uomo politico Marco Tullio Cicerone assiste a una scena raccapricciante, il corpo...
La cosa più emozionante degli ultimi quindici mesi" disse Caio Mario"È stato l'elefante che Caio Claudio ha messo in campo ai ludi Romani." Il volto di Elia s'illuminò. "Non era meraviglioso?" chiese, protendendosi dalla sedia per raggiungere il piatto di enormi olive verdi importate dalla Spagna Ulteriore. "Era capace di stare in piedi sulle zampe posteriori e camminare! E di danzare sulle quattro zampe! E di stare seduto e di...
Olympias aveva voluto recarsi al santuario di Dodona per una strana ispirazione, per un presagio che l'aveva visitata nel sonno mentre dormiva accanto al marito, a Filippo,re dei macedoni, pieno di vino e di cibo. Aveva sognato che un serpente strisciava lentamente lungo il corridoio e poi entrava silenzioso nella camera da letto. Macedonia, IV secolo a.C. Olympias, moglie del re macedone Filippo, da alla luce il suo primo figlio, Alessandro....
Prima pergamena. Inizia il resoconto. O mio Dio, pietà. Pietà e perdono. Padre nostro che sei nei cieli, abbi pietà di me e perdonami perchè, come sai, sono debole. O Dio misericordioso, le mie mani tremano di paura e terrore. E il mio cuore, il mio spirito vacillano di fronte alle sciagure e alle devastazioni di questi miei tempi. Solo a te, mio Dio, è la Misericordia, solo a Te...
Corinto, 342 a.C. Secondo anno della CVIII Olimpiade L’uomo arrivò poco dopo il tramondo quando le ombre cominciavano ad allungarsi sulla città e sul porto. Avanzava a passo svelto portando a tracolla una bisaccia, e si volgeva intorno di tanto in tanto con una certa aria apprensiva. Si fermò nei pressi di un’edicola di Persefone, e il lume che ardeva davanti all’immagine della dea ne rivelò l’aspetto. Sicilia, IV secolo a.C. L’Isola...