Carlo Grande, scrittore, giornalista de La Stampa e direttore di Italia Nostra, è l'autore di due romanzi storici, La via dei Lupi e La cavalcata selvaggia. Sono veramente contento perchè ha avuto il tempo e la voglia di rispondere ad alcune domande. Ogni opera nasce da una idea, dalla voglia di raccontare una storia, quali sono stati gli elementi che l'hanno portata a scrivere "La via dei lupi" e "la cavalcata selvaggia"? Perché sono due gran belle storie, prima di tutto, che hanno molta poesia e forza etica e anche il pregio di essere vere. Ho amato Francesco di Bardonecchia, una specie di Braveheart del Trecento, che dopo aver combattuto, dopo aver capeggiato una rivolta ed essere evaso due volte da tenebrose fortezze si rifugia nei boschi, lasciandosi pervadere dalla natura, trovando (anche se il finale è drammatico) la pace.