Intervista – Simone Sarasso


Simone Sarasso è una delle voci più originali degli ultimi anni. Scrittore poliedrico, autore di racconti, sceneggiatore di fumetti, ideatore e sceneggiatore di una web serie tv, sta ultimando l’ultimo capitolo di una trilogia di romanzi dedicata a questa Italia piena di misteri e stragi di stato, iniziata con “Confine di Stato” e che si concluderà con “Il paese che amo”. Simone, nell’ultimo anno, è entrato nel vortice penso per lui coinvolgente e sfidante della narrativa storica, facendo rivivere in “Invictus” Costantino, uno degli imperatori più importanti e controversi della storia di Roma e negli ultimi mesi brandendo le armi dei gladiatori dell’arena con “Colosseum“.

Raccontaci la genesi e lo sviluppo dei tuoi due ultimi romanzi, Invictus e Colosseum. In particolare, qual è stata la scintilla che ha fatto muovere il mouse o la penna e viaggiare tra i territori dell’impero e le arene di Roma.

Tutto è partito da un’infatuazione inaspettata e feconda per il peplum. Ho trascorso diversi mesi a leggere romanzi ambientati nell’antica Roma e, a poco a poco, è maturata l’idea di prolungare la mia indagine sul lato oscuro del potere (che da anni conduco attraverso i miei romanzi noir) indagando il ventre molle dell’Impero. Sono partito dall’inizio della decadenza dell’Aquila (IV secolo d. C., a un passo dalla fine) e da una figura di spicco (l’imperatore Santo, l’imperatore assassino) per giungere all’epoca d’oro (nell’80 d.C. viene inaugurato l’Anfiteatro Flavio, e da quel giorno il volto di Roma cambia per sempre), vista dal basso, Colosseum infatti narra le gesta di due schiavi che diventano dei dell’arena, Vero e Prisco. Un viaggio affascinante, non c’è che dire.

Ricordo di aver letto che hai utilizzato elementi e ispirazioni estremamente recenti e per così dire “alternativi” nella ricostruzione dei personaggi dei tuoi libri. Se non ricordo male citavi un personaggio di Ken il Guerriero per delineare la fisicità e i modi di Diocleziano in Invictus.

Diocleziano è ispirato a Raul, il fratello gigantesco e oscuro di Ken. Detta così sembra una boutade, ma in realtà è proprio questo lo spirito dei miei romanzi storici: interazione perfetta tra documentazione storica e immaginario pop. Le storie che racconto sono transgenerazionali, parlano parecchie lingue tutte assieme: il racconto del passato, per essere davvero attuale, non può prescindere da mezzi di comunicazione moderni.

Fedeltà alla storia o fedeltà alla trama? Quando si scrive un romanzo storico quanto deve essere ceduto in fatto di verità storica rispetto ad un intreccio coinvolgente e scorrevole?

La fedeltà alla Storia (quella con la S maiuscola) è il primo dovere nei confronti dei lettori di romanzi storici. Si tratta di un pubblico affezionato e competente, che non sopporta (né merita) di essere ingannato o raggirato. Il mio primo dovere, quando mi siedo alla tastiera per narrare il passato, è di ricostruire vicende impeccabili dal punto di vista documentario. Detto questo, altro obbligo del narratore nei confronti del proprio pubblico è quello di non annoiare. La costruzione della trama, lo sviluppo ingegnoso dell’intreccio, la creazione di colpi di scena e la scrittura accattivante sono tutte ottime frecce all’arco del romanziere, e non usarle sarebbe peccato. Un buon bilanciamento tra rigore storico ed esigenze narrative, in genere, produce un libro godibile. Ed è proprio il genere di romanzo che mi impegno a scrivere quando mi occupo di storia antica.

Lo stato di salute della narrativa in generale e del romanzo storico in particolare. Cosa ti auguri per il 2013 e per gli anni a venire.

La narrativa, soprattutto in Italia, gode fortunatamente di ottima salute. Per quanto riguarda il romanzo storico, nel nostro Paese ci sono degli autentici maestri: l’ultimo libro di Manfredi, Il mio nome è Nessuno, è un capolavoro assoluto (di genere e non). Penne come quella di Colombo, Mauro Marcialis, Franco Forte o Sergio Altieri rivaleggiano ad armi pari con giganti dello storico quali Follet, Smith, Ben Kane e Simon Scarrow.
Per l’anno che verrà mi (e vi) auguro grandi narrazioni e voci sincere, ricostruzioni accurate, emozioni vivide. E fiumi di sangue, naturalmente.

Cosa pensi della diffusione di nuovi strumenti per la lettura ( vedi ebook reader)? La scrittura di una storia, anche nella narrativa storica, dovrà adattarsi al cambiamento del supporto o tutto rimarrà uguale per uno scrittore?

Dipende dallo scrittore. Il supporto digitale offre possibilità di interazione testo-lettore che con la carta non erano immaginabili. A voler pensare in prospettiva si possono immaginare narrazioni, anche storiche, interattive, in cui il lettore può diventare protagonista o influenzare la vicenda a proprio piacimento in base ai propri gusti e alle suggestioni del momento. Tuttavia, questo non significa che le narrazioni convenzionali scompariranno, anzi. Semplicemente, cambierà il supporto e i prezzi saranno più accessibili.
In ogni caso, la carta non morirà mai.

Leggi o hai letto narrativa storica di altri autori, quali opere ti sentiresti di consigliare?

Alcuni dei giganti che ho citato poc’anzi, e le loro opere migliori: Sergio Altieri e la trilogia di Magdeburg, Valerio Massimo Manfredi – Il mio nome è Nessuno, Mauro Marcialis e il suo Spartaco il gladiatore, Luther Blisset con Q.

Apri una porta, all’improvviso davanti a te uno strano macchinario. Osservandolo meglio comprendi che è una macchina del tempo. Pochi secondi per decidere, dove e in che epoca viaggeresti?

Bethel, Stato di New York, 15-18 agosto 1969. Woodstock: il festival dei festival, signori e signore. Perché sarò pure uno scrittore di romanzi storici ma, diavolo, adoro fare baldoria!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Romanzistorici.it non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Nel caso in cui qualche autore non approvasse la recensione del proprio libro è tenuto a comunicarlo all’indirizzo mail qui presente, provvederemo subito alla cancellazione dell’articolo dedicato al libro in questione.

Sosteniamo

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: