“Il serenissimo borghese” di Alberto Frappa Raunceroy


27 dicembre 1788. Lo sciabordio dei remi si disfaceva in un disordine di tonfi sordi al diminuire dell’andatura del burchiello che procedeva a scatti, ostacolato dal ghiaccio formatosi sulla superficie della laguna: lo scafo gemeva come raschiato da lame di rasoi. Nell’ultima ora era avanzato di poche centinaia di passi e il sole tramontava lasciando il cielo sovrastato da un velario scuro.

Mentre Venezia è avvolta dal più freddo inverno a memoria d’uomo, un’imbarcazione diretta a Mestre rimane bloccata in mezzo alla laguna gelata. Dentro la cabina, Elisabetta Grimani, da anni sofferente di epilessia, riflette sul destino che l’ha portata a sposare il procuratore Lodovico Manin, uomo mite e scrupoloso ma troppo assorbito da impegni pubblici e dall’amministrazione di un patrimonio incommensurabile per prestare attenzione alla sua condizione di donna e madre mancata. Lodovico Manin sarà l’ultimo doge della storia millenaria della repubblica veneziana e testimone dello sfaldarsi di regole morali e sociali in cui era stato modellato da bambino. Un romanzo che coniuga sapientemente i sentimenti dell’uomo e il racconto della storia.

Per approfondire:

  • Antonino D’Alia. Lodovico Manin, storia di una dinastia

Trackbacks

  1. […] è lieto di segnalare che nel mese di novembre Il segreto nello sguardo di Valentina Casarotto e Il serenissimo borghese di  Alberto Frappa Raunceroy hanno ottenuto rispettivamente il primo e il secondo premio nella […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Romanzistorici.it non rappresenta una testata giornalistica, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Nel caso in cui qualche autore non approvasse la recensione del proprio libro è tenuto a comunicarlo all’indirizzo mail qui presente, provvederemo subito alla cancellazione dell’articolo dedicato al libro in questione.

Sosteniamo

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: